Meditazione

È un lavoro di presenza al nostro sentire.

Sempre immersi nel mentale, siamo pressoché assenti alla nostra più potente e totale realtà. È una pratica di resa del nostro essere, di crollo delle sue corazze per immergerci nell’essere vero delle cose, nel suo flusso e nel nostro splendore. Non più nella volontà, ma nel lasciar essere, lontano dal fare e dagli scopi, nel vuoto in cui la distanza fra te e l’adesso si colma.

È la via opposta al resistere, al chiudersi, alla guardia alzata, alla difesa: è invece il varco per l’apertura, per il disarmo, la docilità, l’arrendevolezza, il vuoto.

 

3 Venerdì al mese 20.30 - 21.45 secondo il seguente calendario:

 

22 - 29 settembre

13 - 20 - 27 ottobre

14 novembre 18.30/19.45 (unico martedì)

17 - 24 novembre

15 - 22 dicembre

5 - 12 - 26 gennaio

9 - 16 - 23 febbraio

9 - 16 - 23 marzo

13 - 20 - 27 aprile

11 - 18 - 25 maggio

1 - 8 - 15 - 22 - 29 giugno

 

Inizio corso venerdì 22 settembre

 

Conduce: Gianfranco Bertagni